Veneto in bici

Attorno al Monte Baldo
lato ovest
(VR)
Home


Home


 

 

 

 

Una esplorazione alle pendici del Monte Baldo nel Veronese partendo da Rivoli Veronese. Un giro in due fasi una nel lato ovest del Monte Baldo e la successiva ad est

.
Rivoli il punto di partenza, sullo sfondo il forte di Rivoli o Wohlgemuth


Caprino Veronese- Lumini- Vista sul Garda a Pora

Lunghezza
Diff.
Dislivello
Fondo
Percorso
Pend. med./max.
Panoramico
Fontanelle
Punti ristoro
mio Voto
34km
a/r
615m
asfalto
stradale
5% - 16%
✩✩✩✩✩
✩✩
✩✩✩
✩✩✩✩✩

  

 

 

 

 

 

 

 

 


Un giro che in totale fa quasi 70km e che esplora la parte meridionale del Monte Baldo, prima spingendosi in vista del lago di Garda e poi costeggiando la parete est del Monte Baldo sino a Ferrara di Monte Baldo con una escursione a Spiazzi al Santuario Madonna della Corona.

Per praticità ho suddiviso questo percorso in due report: Lato ovest verso San Zeno e Lato est verso Ferrara di Monte Baldo.


La mappa del Percorso

Si parte da Rivoli Veronese il punto più elevato del tratto ciclabile della Val d'Adige Veronese ed anche il più suggestivo. Da Rivoli si esce in direzione Caprino Veronese e da lì prendendo la SP29 si sale a Lumini per poi giunti fuori dal paese, al bivio per Prada, deviare a sx verso San Zeno, sino ad arrivare alle vedute panoramiche sul Lago di Garda. Si ritorna poi sullo stesso percorso sino a Caprino Veronese e poi ritornare a Rivoli Veronese.

Quote e dislivelli dei vari tratti


Sono 6km ad arrivare a Caprino Veronese, poi in 6,5km al 7% con uno strappo al 16% si arriva a Lumini. Si prosegue per 1,4km sino ai 719m slm del bivio per Prada. Si devia a sx verso San Zeno 2,5km di discesa al 3% e poi il ritorno a Rivoli.

Chi invece volesse dedicarsi al giro completo Baldo ovest + Baldo est sotto trova l'altimetria completa e questa é la descrizione:

Si fa ritorno a Caprino Veronese 10,77km. Da lì si sale per 10,8km al 6% sino a Spiazzi. Poi una visita al Santuario della Corona, 1km al 9%. In fine da Spiazzi, con 4,7km di su e giù si arriva a Ferrara del Monte Baldo. Al ritorno si fanno 2,38km al 4% , e poi, e poi a coronamento del giro 20 km di bellissima discesa!



Il percorso

Sono rimasto alquanto sorpreso per la bellezza di questi percorsi panoramici, il massimo lo si avrebbe con condizioni meteo ottimali con cielo terso, allora si che si spazierebbe per km e km sia sul lago di Garda , la pianura e le montagne e colline circostanti.

Condizioni del percorso

Il fondo sulla viabilità ordinaria é tutto asfaltato ed in ordine, la sezione stradale é abbastanza ampia in relazione ad un percorso montano. Il traffico veicolare é basso ma non quello delle bici che qui sono di casa!

A chi é indicato

Come avrete visto dai dati e dal profilo altimetrico é un percorso adatto a chi é allenato, per la tipologia del tracciato con lunghe salite e ovviamente lunghe discese, occorre avere una buona bici possibilmente leggera e soprattutto con un buon impianto frenante. In discesa i 50 km/h si superano agevolmente per cui....


Il Monte Baldo dal lato del lago di Garda


Si parte da Rivoli Veronese, in centro alla foto il forte Wohlgemuth sulla cima del monte Castello a 227m.
Questa vista la si può ammirare dalla piazza della chiesa di Rivoli. Sotto la fortezza é la valle dell'Adige

Perché sono partito da qui, molto semplice, Rivoli é facilmente raggiungibile con la pista ciclabile che parte da Verona a sud e dal Brennero al nord.

Inoltre per bellitaliainbici é il termine del
primo report fatto su questa ciclabile e in più sarà il punto di partenza per altri due reports.




Rivoli é il solito paese attraversato da una strada principale e andando verso nord si esce verso Caprino Veronese



Si passa sopra il ponte dell'autostrada del Brennero e subito dopo si arriva a Porton. A questa rotonda i cartelli sono inequivocabili, per cui si svolta a dx, sono 5km per arrivare a Caprino Veronese.




La strada scorre verso i campi molti dei quali coltivati a vitigni o a ulivi. Subito vengo sorpassato da un ciclista, veramente qui sembra la patria dei ciclisti, lungo il percorso ne incontrerò parecchi!



A circa 3 km dalla rotonda fare attenzione e prendere la deviazione a sx in località Zovo, che vi porterà verso la zona industriale di Caprino Veronese.

Superati i capannoni si giunge ad uno stop, occorre svoltare a dx, non troverete indicazioni, comunque il centro di Caprino Veronese é a circa 700m




Una vecchia villa con torri merlate all'ingresso sud di Caprino Veronese




Ci si dirige in centro al paese, sullo sfondo il Monte Baldo, mentre a dx si intravede la facciata della chiesa parrocchiale.



La chiesa parrocchiale del 1786 con facciata costruita con marmi bianchi e rosa cavati dalla vicina località di Lubiara



Si passa davanti alla chiesa proseguendo a dx e giunti in piazza si svolterà a sx direzione San Zeno di Monte Baldo. Si passerà davanti alla pregevole "Villa Carlotti" del 1600, sede del Municipio




Si lascia sulla dx il Municipio e si prosegue sino ad arrivare a questo "trivio", occorrerà prendere la prima a dx direzione Lumini. Qui la strada inizia subito a salire, sono 6km da affrontare con pendenza media del 6% e qualche strappetto più impegnativo.




Dopo qualche tornante si ha già la visuale su Caprino Veronese e le colline circostanti, é però un peccato che pur con una giornata soleggiata, sia incappato nella inconsueta "bolla africana" con temperature estreme che già dalle prime ore del mattino fanno alzare l'umidità rendendo scarsa la visuale.




Già dalla frazione di Rubiana si sarebbe dovuto vedere parte del Lago di Garda, in effetti ad occhio nudo qualcosa si percepiva, ma con la foto non di certo!



Mentre stavo scattando le foto arrivano due ciclisti impegnati nella salita.



Come sempre c'é chi scende e c'é chi sale! I due ciclisti come sono arrivati dietro alla mia bici, si sono bloccati, uno era stremato e l'altro gli stava chiedendo se tutto era ok.. ma....



... ma anche lui evidentemente prostrato dallo sforzo si è messo ad ansimare cercando di recuperare il fiato.

Li ho lasciati rinvenire, dopo di che mi hanno chiesto che pendenza avesse la strada, gli ho detto che era al 6%, ho scoperto così che erano due Danesi e ho scherzato sul fatto che in Danimarca é tutto piatto e non potevano essere certamente allenati ad affrontare le salite! Se poi aggiungiamo che osservando le loro gambe non dimostravano di certo di essere dei cicloamatori duri e puri, inoltre il peso non li favoriva di certo ad essere considerati degli scalatori e per giunta con rapporti di trasmissione inidonei alle salite a meno di essere dei professionisti, il quadro era completo!

Ho salutato e sono ripartito, probabilmente con continue soste sarebbero arrivati comunque in cima alla salita, se non ché dopo che li ho lasciati a qualche centinaio di metri ad un tornante il mio GPS segnava 16% ! ed ho pensato subito: quelli scendono e vanno a piedi!




Si prosegue salendo ai limiti dei boschi, ma ciò non toglie che la giornata super calda si faccia sentire!





La strada é molto bella e non mi sarei aspettato simili paesaggi a pochi km dalle colline



Come si suol dire: un bel tuffo nel verde




Oltre che dai ciclisti questa strada é frequentata anche dai motociclisti, spesso sono stranieri.





Il cartello indica che sono arrivato a Lumini




L'immancabile chiesa che denota una frazione o una località, questa frazione di fatto ha un piccolo numero di case. Giunto al primo bivio in paese con a lato un bar e albergo, faccio sosta nel parcheggio e notando un piccolo market di alimentari, entro per vedere cosa ci fosse da sgranocchiare, c'erano tre torte fatte in casa, mi accontento di un leggero strudel di mele, non era ancora mezzogiorno per cui un dolcetto ci stava.




Essendo presto decido di proseguire ed esco da Lumini andando verso San Zeno



L'ambiente sulla piana di Lumini é un misto fra collinare e montano




A questo bivio se si prosegue diritti si sale verso Prada, mentre io decido di scendere verso San Zeno



La strada ora scende verso San Zeno in costa ad una breve valle



In breve arrivo alla contrada Pora e da lì inizio a intravedere il Lago di Garda fra le chiome degli alberi, mi trovo a 680m di altezza




Permane un po' di foschia, ma guardando verso Salò riesco comunque a scorgere l'isola del Garda, chiaro che se incocciate in una giornata limpida i panorami saranno stupendi!




Mi inoltro nella strada della località Pora e guardando verso nord ovest ho questa visuale




mentre verso Salò questa visuale, nulla da eccepire per chi si é scelto di costruirsi la casa in queste posizioni panoramiche!



Faccio ritorno a Lumini


lo trovo tutto imbandierato per la sua festa



Fra vecchie costruzioni in pietra e case ristrutturate l'altra via principale del borgo che si estende verso ovest



Terminata la visita a Lumini, visto il caldo, la fame e l'ora non proprio ideale per andare in bici, mi concedo una pausa pranzo all'ombra di un pergolato, con bici rigorosamente a vista!

Lasciato trascorrere il giusto tempo riprendo la bellissima discesa verso Caprino Veronese, fra il leggero fresco del bosco, per poi intraprendere la parte seconda, ovvero il Monte Baldo lato est!


Monte Baldo parte seconda




CONCLUSIONE

Per me una nuova scoperta di un altro pezzo di bella Italia. Ambienti ben fruibili e fuori dal traffico caotico.


 

 

buone pedalate a tutti, Outside

Un foto racconto di Cadore designer © 2012
pagina creata: 30-07-2012
ultimo aggiornamento:12-06-2015
Percorsi ciclabili - torna su
Ogni uso o sfruttamento dei miei progetti a scopo commerciale, senza un preventivo accordo scritto, é vietato. La riproduzione di questo sito in toto o in parte é vietata senza il consenso scritto dell'autore.

  

Info cookie »