Lombardia in bici

Pista Ciclopedonale
della Valsassina

(LC)

Home


 

 


Una Ciclopedonale che attraversa parte della Valsassina, da Barzio a Prato San Pietro. Un primo tratto di 10km, a cui seguirà un collegamento di 4km sino a Taceno.


Area di sosta a Primaluna



Alcuni tratti della ciclabile della Valsassina


Lunghezza
Diff.
Dislivello
Fondo
Percorso
Pend. med./max.
Panoramico
Fontanelle
Punti ristoro
mio Voto
20km a/r
150m
asfalto
Ciclabile
1% - 1%
✩✩✩
✩✩
✩✩✩✩


  

 

 

 


Ci troviamo nel cuore della Valsassina, ai confini fra le province di Lecco e di Bergamo.

Il percorso è quello raffigurato con traccia di color turchese, da Barzio a Cortenova.

In questa mappa ho voluto inserire i percorsi
dei reports fino ad ora pubblicati nelle zone attigue, la mappa è interattiva scegliendo il percorso si aprirà la relativa pagina.

In questo modo è possibile conoscere anche
cosa stà attorno al percorso attuale che non rimane fine a se stesso ma si trova integrato con il territorio vicino.




L'altimetria del Percorso

Il percorso è suddiviso in due tratte: la prima tratta su strada asfaltata rappresenta la ciclabile da Barzio a Cortenova, poi ovviamente occorre fare ritorno.

Per la seconda tratta, nel mio caso, mi sono recato a Introbio e sono salito in Valbiandino. La traccia blu rappresenta l'andamento della temperatura.




La mappa del Percorso

Ho suddiviso il percorso con due colori, in verde la ciclabile, in azzurro il tratto che sale in Valbiandino. Quest'ultimo essendo un percorso molto impegnativo è destinato esclusivamente a persone molto allenate nelle salite in montagna.

Località
Km. Distanze progressive
Altitudine
m. Dislivello progressivo

Pasturo

0
602
0

Cortenova

10
452
-150

Pasturo

20
602
150


Queste due immagini sono tratte da:



Come arrivarci

Da Lecco, si prende l'indicazione per la Valsassina, prendendo la nuova tangenziale in galleria che porta sino all'imbocco della Valsassina a Ballabio. Da lì si prosegue verso Introbio, ed arrivati al Colle di Balisio si prosegue ancora diritti verso Introbio. Dopo 2km, poco prima di Pasturo si svolta a dx. all'altezza di un ponte che porta alla Comunità montana della Valsassina, poco distante parte la ciclabile.


Distanze

Da: Milano 69 km - Bergamo 46 km - Lecco 15,6km - Como 42km - Brescia 102km

Dove parcheggiare

Parcheggio Comunità montana della Valsassina, Valvarrone, Val D'Esino e Riviera


Il percorso

Non presenta alcuna difficoltà ed è possibile farlo anche con bambini, tanto più che la presenza di aree ludiche e la presenza di animali, non li annoierà di certo.

Condizioni del percorso

Il fondo e tutto asfaltato, per il momento manca la finitura del fondo sull'ultimo ponte a Prato San Pietro e il breve tratto che porta a Cortenuova, ma di fatto la pista termina al confine di Prato San Pietro.


Ciclopedonale della Valsassina


In fronte l'ampio piazzale di Barzio, sulla dx., il tetto in secondo piano è quello della Comunità Montana Valsassina,Valvarrone, Val D'Esino e Riviera, in Via Fornace Merlo, 2.

Qui non avrete certo problemi di parcheggio!




L'inizio della giornata come meteo non era delle migliori. A fronte del parcheggio quest'area dedicata ai più piccoli, lungo la ciclabile ne ho viste altre di queste aree.

Il cartello bianco che si vede in fondo, indica l'inizio della Ciclopedonale.




A pochi metri dall'inizio della Ciclopedonale, questa locandina illustra tutto il percorso, con annesse fotografie dei luoghi toccati, grafico del dislivello e distanze, nonché i regolamenti per poter usufruire correttamente della ciclopista. Per le bici limite a 20km/h.

C'è da tener presente che la pista non è molto larga e nei periodi di affluenza come d'estate, una bici a velocità elevata potrebbe essere un pericolo per i pedoni.

Per ora la lunghezza della pista è limitata a 10km, in previsione c'è un'altro tratto di 4-5km da Cortenova a Taceno.




Ai cavalli non è permesso transitare.



La partenza della ciclopedonale, come vedete la pista non è molto ampia, ma sufficiente.




La ciclopedonale, affianca spesso il corso del Torrente Pioverna, che scorre verso Nord sfociando poi a Bellano, creando fra le rocce il caratteristico "Orrido di Bellano".




Lungo il percorso ho trovato diversi recinti con cavalli.




Sullo sfondo Pasturo



Alcuni ponti sono posti lungo il percorso per potere attraversare il torrente Pioverna.




L'ambiente appare naturale, con piante diversificate, segno che l'uomo in questi punti non vi ha messo mano, lasciando che la natura facesse il suo corso.




Scendendo dal Colle di Balisio, fra Barzio e Pasturo, la valle si apre per pochi km per poi chiudersi là in fondo e riaprirsi di nuovo superato il varco fra le due rocce, dove a dx. è situato uno dei due famosi stabilimenti che producono il Taleggio, l'altro si trova a Pasturo andando verso il Colle di Balisio.




Pasturo, posto ai piedi della Grigna.



Qui non ci sarebbe stata altra soluzione che attraversare la strada 62 provinciale della Valsassina, quindi la soluzione del sottopasso è stata la scelta migliore.

Del resto creare una ciclabile che poi deve attraversare strade trafficate non è il massimo della sicurezza, e va sempre preferito un sovra o sottopasso.



ì

Superata la gola si apre questo bel tratto che prosegue a ridosso della montagna e in mezzo a un bosco. Nel centro della foto si intravede una cascatella, con un flusso leggero d'acqua che scivola sulle rocce.




Naturalmente è molto meglio vederla dal vero che dalla foto. Senza dubbio è preferibile soffermarsi quando fa molto caldo, e non all'ombra e con 10° C!




La cascata forma questo torrentello, che poi affluirà nel torrente Pioverna.




Un gruppo di vecchie case



Due bei passaggi attraverso il bosco, dove si trovano piante di ogni specie.




Un'altro ponte sul torrente Pioverna



Pace bucolica, o forse in attesa di essere caricati sull'arca di Noè?




Sull'altro lato della valle, Introbio. Alle sue spalle si apre l'imbocco per la Valbiandino, prossima meta.




Il chiosco "Chiosquito" a Primaluna, un'area di sosta attrezzata con Bar - Tavola fredda - Parco giochi - Area barbeque - Area solarium - Campo da beach volley.

Aperto tutti i week-end dalle 9,30 alle 19,30.
Nella stagione estiva (Giu-Lug-Ago) aperto tutti i giorni dale 9,30 alle 23,00.




Primaluna



Una pista nel verde, più immersi nella natura di così!




La solita pecora nera!



A fianco della ciclabile lo scampanio delle pecore mi hanno fatto fermare, oltre i cespugli erano intente a brucare.



E' una Ciclopedonale particolare, si passa per ogni specie di piante e animali, saranno contenti particolarmente i bambini!




Sembra di stare in uno zoo safari, a dx. e a sx. della Ciclopedonale, si trova un po' di tutto.




Case abbandonate nel bosco che si riprende i suoi spazi.




Si passa sopra un ponte dove sotto scorre un torrente con acqua limpida, piante acquatiche e relativa cascatella in fondo.




A Prato San Pietro, si passa il ponte per recarsi sulla sponda dx. del torrente Pioverna.



Si prosegue verso Cortenova



Cortenova spunta dopo la curva


ù

Qui finisce la ciclabile, e due asinelli sono li a rammentarlo!



Il "bebè" non doveva avere molte settimane visto che era ancora visibile il cordone ombelicale



Una cosa è certa, in città non è che li si vede tutti i giorni, anzi!




Proseguo sulla sterrata sino a Cortenova




A Cortenova mi fermo, mi auguro che presto proseguino i lavori per l'altro tratto di questa bella e interessante Ciclopedonale naturalistica!


 

 

buone pedalate a tutti, Outside

 

Un foto racconto di Cadore designer © 2011
pagina creata: 17-10-2011
ultimo aggiornamento:15-06-2015
Percorsi ciclabili - torna su
Ogni uso o sfruttamento dei miei progetti a scopo commerciale, senza un preventivo accordo scritto, é vietato. La riproduzione di questo sito in toto o in parte é vietata senza il consenso scritto dell'autore.

   

Info cookie »